Formula 1 GP

Gioco di comitato per 6 persone
di Diego Vaggi

INTRODUZIONE:
Questo gioco vuole simulare in parte una situazione realmente accaduta durante il Gran Premio di Formula1 d’Austria 2002; il mio intento non è di dare giudizi morali o sportivi né sulle persone né sui fatti, ma semplicemente ricreare uno scenario in cui inserire il dibattito dei GdC. Ovviamente Formula1 GP può essere giocato anche da chi è completamente a digiuno di automobilismo.
Il gioco si svolge durante un gran premio: siamo nelle fasi finali, Barrichello è in testa seguito da vicino dal compagno di squadra Schumacher, i due piloti sono in contatto radio con i box dove sono seguiti da Jean Todt, caposcuderia, da Ross Brawn, responsabile delle strategie in gara, e da Ignazio Lunetta, ingegnere di macchina di Schumacher. È presente e collegato coi piloti anche l’ex-pilota austriaco Gerhard Berger, ospite del box della Ferrari con cui ha gareggiato per diversi anni.
Non è più necessario alcun pit stop e gli avversari sono piuttosto staccati. Il primo a prendere la parola dovrebbe essere Jean Todt.

PREPARAZIONE:
Dopo aver assegnato ad ogni giocatore la scheda del personaggio consegnate ai due piloti una penna e un foglietto di carta ciascuno. Quindi prendete una sveglia e regolate la suoneria affinché suoni dopo trenta minuti dall’inizio del gioco. A cinque minuti circa dallo squillo, consegnate a Jean Todt le INFORMAZIONI AGGIUNTIVE, il quale le dovrà riferire a tutti. Quando la sveglia suonerà i piloti avranno appena superato l’ultima curva e si immetteranno sul rettilineo; nessuno potrà più parlare, anche interrompendo le frasi a metà, la decisione dei piloti viene presa in pochi istanti e non c’è più tempo per nient’altro. Non è possibile appartarsi per discutere, solo i quattro uomini ai box possono parlarsi all’orecchio, non ci dovrebbero essere gesti o cenni d’intesa soprattutto nell’ultima fase. L’orologio deve essere visibile a tutti visto che tutti sono in grado di capire quanto manca alla fine del gran premio.


INFORMAZIONI AGGIUNTIVE:
[ATTENZIONE: leggere questa parte solo a 5 minuti circa dallo squillo della sveglia.]
Brutte notizie: Juan Pablo Montoya, pilota della scuderia avversaria Williams, ha approfittato delle deconcentrazione dei due piloti Ferrari per avvicinarsi a Schumacher; ora lo incalza da vicino. Montoya è il diretto rivale di Michael nel campionato, e fare punti contro di lui in questa gara potrebbe risultare fondamentale per la vittoria finale.


I PERSONAGGI:


Rubens Barrichello

Sei il secondo pilota della Ferrari, e il tuo ingombrante compagno di squadra è Michael Schumacher. Michael è sempre stato più veloce di te, anche perché è sempre stato più seguito e assistito dal team, tranne in questo Gran Premio dove gli sei stato sempre davanti, dalla partenza fino a questo momento. Ora finalmente hai l’occasione di batterlo e, almeno per una volta, di dimostrarti migliore di lui. Questa gara potrebbe anche esserti utile per il rinnovo del contratto con la Ferrari, previsto di qui a pochi giorni; un contratto dai vincoli molto precisi che ti obbligano in una posizione subordinata sia rispetto al tuo compagno sia con i vertici della scuderia, ma il rinnovo, a cui tu tieni moltissimo, dovrebbe essere praticamente una certezza, visto che i tuoi superiori sono piuttosto soddisfatti del tuo lavoro e non hanno niente da rimproverarti.
SCELTE: quando suonerà la sveglia, dovrai scrivere sul foglio che hai di fronte, senza ch’egli altri giocatori leggano, se avrai deciso di ACCELERARE per andare a vincere la gara o di RALLENTARE.


Michael Schumacher

Sei il primo pilota della Ferrari, quello più importante: le vittorie degli ultimi tempi sono frutto principalmente delle tue capacità e del tuo lavoro e nella scuderia non c’è decisione che sia presa senza sentire anche la tua opinione; pretendi che ogni cosa sia perfetta e per questo hai chiesto, e ovviamente ottenuto, di rimanere in costante contatto radio con il tuo ingegnere di macchina, Lunetta, persona che rispetti molto per l’alta professionalità. Molti ti considerano antipatico e arrogante, in realtà sei solo molto preciso nel tuo lavoro e ci tieni a vincere, ma ti consideri un corridore sportivo e nessuno può accusarti di slealtà. In fondo sei contento per la vittoria del tuo compagno, se l’è decisamente meritata ed è giusto che sia lui ad andare a vincere. Oltretutto il tuo obiettivo è il campionato del mondo, ben più importante, e non è certo Barrichello il tuo avversario diretto: infatti sei in testa alla classifica davanti a Montoya, che ti detesta e tu contraccambi. Ti fa invece piacere la presenza di Berger ai box a seguire la tua corsa: lo stimi molto fin da quando lui era l’esperto capo del sindacato piloti mentre tu eri ancora agli inizi della carriera.
SCELTE: quando suonerà la sveglia, dovrai scrivere sul foglio che hai di fronte, senza ch’egli altri giocatori leggano, se avrai deciso di ACCELERARE o di RALLENTARE.


Jean Todt

Sei il caposcuderia della Ferrari: a te spettano le scelte e le decisioni più delicate, e le conseguenze ricadono direttamente sulla tua testa. Il tuo aspetto mite nasconde in realtà un forte carattere; ti consideri un decisionista e pretendi che i tuoi ordini siano eseguiti. Pensi che l’importante sia vincere e che conti solo il risultato; sei un professionista e niente ti può distrarre dagli obiettivi del tuo lavoro. Il presidente della Ferrari, Luca Cordero di Montezemolo, tuo diretto superiore con cui hai parlato prima della gara, è stato molto chiaro: Michael Schumacher deve vincere questo gran premio. La situazione è favorevole e dovrai dare un semplice ordine di scuderia: sarà infatti sufficiente che Barrichello si lasci sorpassare dal compagno perché Michael vinca la gara. Rubens non dovrebbe fare troppi problemi nell’obbedire, è sempre stato al servizio della squadra e oltretutto tra pochi giorni si parlerà del rinnovo del contratto; è nei suoi interessi dimostrarsi pronto ad eseguire le tue direttive. Quando prenderai la parola, la tua prima azione dovrebbe essere quella di ordinare il sorpasso tra i due piloti.
OBIETTIVO: convincere entro l’ultima curva Barrichello a RALLENTARE, di modo che Michael lo sorpassi e vinca il GP.


Ross Brawn

Sei il responsabile delle strategie della Ferrari, team con cui lavori da alcuni anni e nel quale sei arrivato grazie a Jean Todt, tuo diretto superiore. Hai scelto questo lavoro, in cui sei piuttosto bravo, perché ami la competizione e la gara ad armi pari; per te la frase “che vinca il migliore” significa ancora qualcosa. A tuo modo ti consideri un romantico, uno dei pochi che sia rimasto in giro in questo ambiente delle corse. In questo gran premio Barrichello è stato praticamente perfetto, dall’inizio alla fine: è un piacere per gli occhi vederlo girare, senza commettere errori o sbavature; la sua vittoria è il semplice riconoscimento di una gara magnifica, non ne deve certo rendere conto a nessuno.
OBIETTIVO: fare in modo che Barrichello scelga di ACCELERARE e vinca questo gran premio.


Gerhard Berger

Sei stato per lungo tempo un pilota della Ferrari, tanto che, dopo Schumacher, sei il pilota che ha corso più gare con il cavallino. Dato che questo gp si corre in Austria, la scuderia ti ha gentilmente invitato come ospite ai box; probabilmente qualcuno su nei vertici ha la coscienza sporca, visto che quando per te si è avvicinata la data del ritiro dalle corse ti hanno scaricato senza troppi problemi per prendere proprio Schumacher. Ora sei praticamente senza lavoro, sicuramente troppo vecchio per continuare a gareggiare, però speri di riuscire ad ottenere un posto come dirigente sportivo da qualche parte. La gara è chiaramente decisa, ma ti è venuto un sospetto: temi che qualcuno alla Ferrari abbia voglia di far vincere Schumacher a scapito del compagno; l’unico modo per farlo sarebbe costringere Barrichello a farsi sorpassare volontariamente, il risultato darebbe sì la vittoria del tedesco, ma trasformerebbe questo gran premio in una farsa colossale. Non puoi permettere che proprio il gran premio d’Austria subisca questa vergogna; se hai ancora dell’autorità sui tuoi ex-colleghi, in fondo sei stato il capo del loro sindacato, devi cercare di convincerli a non compiere questo scempio. È inutile cercare di convincere Barrichello, sai bene come possano essere blindati i contratti della Ferrari, mentre pensi che in fondo Schumacher non abbia alcun obbligo contrattuale da rispettare. Forse dovresti appellarti alla sua lealtà sportiva, se ne ha una…
OBIETTIVO: convincere Schumacher a RALLENTARE e a comportarsi sportivamente.


Ignazio Lunetta

Sei l’ingegnere di macchina di Schumacher, uno dei tanti nel team che non ricevono sorrisi, foto e champagne, e che in realtà muovono e reggono la scuderia. Sei considerato dai tuoi colleghi un po’ come il leader dei meccanici, perché italiano come loro e perché anche tu hai fatto la gavetta partendo dal basso e salendo di incarichi e responsabilità, non come ad esempio Jean Todt e Ross Brawn, alti dirigenti voluti da Montezemolo. Sei molto legato alla Ferrari, per la quale sai di compiere un lavoro di alta responsabilità e di massima professionalità; non c’è nessuno che conosca a fondo la macchina quanto te, sei costretto a trascurare i tuoi stessi figli per la cura certosina con cui ti dedichi alla vettura. Il lavoro di due settimane di voi meccanici viene giocato in due ore di gara: fortunatamente tutto sta andando per il meglio, si preannuncia una doppietta che per voi significa una gratifica come premio produzione, un piccolo riconoscimento del vostro lavoro. La vittoria di Barrichello è al sicuro, rischia qualcosa il secondo posto di Michael: infatti sai bene che i pneumatici Bridgestone diminuiscono le prestazioni con l’usura, al contrario delle gomme Michelin montate ad esempio dalla Williams e dalla McLaren. È importante che Schumacher non decida di rallentare, potrebbe compromettere la doppietta che si sta realizzando.
OBIETTIVO: devi fare in modo che Michael continui ad ACCELERARE affinché la Ferrari faccia primo e secondo posto.


LE SOLUZIONI:


Girate i foglietti dei due piloti e confrontateli.

1. Barrichello ACCELERA e Schumacher ACCELERA: Rubens Barrichello vince la gara, ma i dirigenti della Ferrari non gli rinnovano il contratto considerandolo un pilota poco affidabile. Schumacher arriva secondo e ottiene i punti sufficienti a gestire la classifica generale, a fine anno sarà campione del mondo. Festa grande tra i meccanici del team, la doppietta porta qualche soldo in più e un po’ di frenesia in meno. Jean Todt viene licenziato dopo aver dimostrato di non essere in grado di gestire la scuderia; il suo posto sarà preso da Ross Brawn che ottiene così una promozione, inoltre gli viene affiancato l’efficiente Ignazio Lunetta. Gerhard Berger dimostra chiaramente di essere solo un ex, la sua attività nel mondo delle corse e decisamente finita.

2. Barrichello ACCELERA e Schumacher RALLENTA: Rubens Barrichello vince la gara, ma i dirigenti della Ferrari non gli rinnovano il contratto considerandolo un pilota poco affidabile. Incomprensibile l’azione di Michael: Montoya ne approfitta e lo sorpassa sul rettilineo, piazzandosi secondo davanti al tedesco; nelle gare successive la scuderia risulta divisa dalle polemiche e dalle recriminazioni, nonostante i meccanici vengano messi alla frusta con una mole di superlavoro si riesce a combinare poco, il campionato mondiale sarà facile preda dell’odiato Juan Pablo Montoya. La Williams, forse come tacito ringraziamento, assume Berger: Gerhard ha ora l’importante compito di gestire un campione del mondo. Jean Todt viene ovviamente licenziato dopo che il team è così spaccato e completamente da rifondare: un compito che spetta a Ross Brawn, a cui viene data carta bianca.

3. Barrichello RALLENTA e Schumacher ACCELERA: Michael vince il gran premio e Rubens ha abbastanza vantaggio su Montoya per arrivare secondo. Ma per Schumacher ci sono cattive notizie: grazie alla testimonianza di Gerhard Berger, i giudici di gara gli tolgono i punti ottenuti per comportamento antisportivo, punti decisivi che danno la vittoria del campionato del mondo all’odiato Montoya. La testimonianza non porta alcun vantaggio a Berger: l’austriaco viene considerato un paria nel mondo delle corse e tutte le porte gli vengono chiuse. Il contratto di Barrichello invece viene rinnovato, con un sostanzioso aumento dello stipendio per l’ampia disponibilità dimostrata. Jean Todt riceve una gratifica e i complimenti personali del presidente Montezemolo, ottiene anche che Ross Brawn sia allontanato per incompatibilità ambientale; al suo posto viene promosso un abile Ignazio Lunetta.

4. Barrichello RALLENTA e Schumacher RALLENTA: Barrichello vince il gran premio, Montoya si piazza secondo e Schumacher terzo. A Rubens viene rinnovato il contratto, in quanto ha dimostrato di essere pronto ad eseguire gli ordini di scuderia. La ritrovata unità della squadra dovuta al bel gesto sportivo di Michael spinge il team Ferrari a far parecchi punti nelle ultime gare: Schumacher alla fine vince uno splendido mondiale su cui nessuno trova da ridire; certo i meccanici, e Lunetta in particolare, dovranno sobbarcarsi del lavoro extra per un lungo periodo, ma questo certo non sconvolge i vertici della presidenza. Montezemolo invece trova di ridire sull’operato del team: pretende che i suoi ordini siano eseguiti, ma non può permettersi di allontanare l’indisciplinato ma talentuoso pilota tedesco. Il suo capro espiatorio diviene così Ross Brawn, licenziato per indisciplina, dando così a Jean Todt pieni poteri all’interno della scuderia. Accanto a lui viene chiamato Gerhard Berger, che ha dimostra to chiaramente di avere ancora autorità e carisma.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...